Caratteristiche delle olive

L’olivo (Olea europea L.) appartiene alla famiglia botanica delle Oleaceae che comprende due varietà botaniche: Olea europea sativa ed Olea europea oleaster. L’olivo è un albero sempreverde, la cui chioma assume differenti aspetti in funzione della forma di allevamento. Se lasciato spontaneo assume un habitus cespuglioso, con chioma globosa o conica. Anche le dimensioni della pianta risentono di fattori diversi quali cultivar, ambiente, sistema di allevamento e condizioni pedoclimatiche, e l’altezza può variare dai 3 ai 15 metri.

Ulivo

Il frutto è una drupa le cui dimensioni e forma dipendono dalla cultivar e dalla condizioni di coltura, ed il cui peso, a maturazione fisiologica, va dai 1,5 e 4,5 grammi. Vengono in essa distinte tre regioni anatomiche: all’esterno abbiamo l’epicarpio o buccia, sottile ed elastico, di colore vario a maturazione, che rappresenta tra l’1,5 e il 3,5 % della drupa, quindi troviamo il mesocarpio o polpa di consistenza carnosa più o meno colorato che rappresenta il 70-80% del peso dell’intero frutto a maturazione fisiologica e si caratterizza per l’alto contenuto in olio (dal 12 al 25% del peso fresco); infine l’endocarpo o nocciolo, di consistenza legnosa, che rappresenta tra il 15 e 25% e che racchiude il seme (2,5 – 4 %).

drupa

L’olivo è una specie incline all’alternanza di produzione: le annate con fruttificazione abbondante e ridotta attività vegetativa (carica) sono seguite da annate con fruttificazione scarsa ma con frutti mediamente più grandi ed eccesso di vegetazione (scarica). In Italia abbiamo un patrimonio immenso ma non sapientemente valorizzato. Solamente nel nostro Paese possiamo contare ben 500 varietà di olive autoctone. Abbiamo cercato di schematizzare, a grandi linee, quali sono le principali varietà e le loro zone. Siamo comunque pronti e contenti di ricevere vostre annotazioni, commenti e aggiunte.

Abruzzo Basilicata Campania Calabria Lazio Liguria Lucania Marche Molise
Dritta Carolea Carpellese Borgese Canino Colombaia Nostrale o Ogliarola Ascolana All'acqua di Montenero
Gentile del Chieti Cima di Melfi Cornia Carolea Caninese Lavagnina Palmarola o Fasolina Canino Aurina
Intosso Coratina Minucciola Cassanese Caboncella Merlina Augellina Carboncella Cerasa di Montenero
Morella Majatica Ogliarola Ciciarello Itrana Mortina Rapollese di Lavello Coroncina Gentile di Larino
Nebbio Nostrale Olivella Dolce di Rossano Olivago Pignola Dritta Oliva nera di Colletorto
Raja Ogliarola del Bradano Pisciottana Grossa di Gerace Raja Rossese Leccino del Corno Olivastro
Toccolana Palmarola o Fasolina Ravec Sinopolese Rosciola Razzola Mignola Paesana Bianca
Rapollese di Lavello Rotondello Tombarello Salviana Taggiasca Nebbia Rosciola
Salella Tonda di Strongoli Orbetana Saligna di Larino
Zinzifarica
Piantone Sperone di gallo
Raggia
Raggiola
Rosciola
Sargano
Puglia Toscana Salento Sardegna Sicilia Veneto Umbria Zona del Garda
Coratina Frantoio o Razzo o Correggiolo Cellina di Nardò Bosana Biancolilla Casaliva Dolce Agoglia Frantotoio
Ogliarola Barese o Paesana o Cima di Bitonto Grappolo Ogliarola di Lecce Cariasina Brandofino Favarol Frantoio Casaliva
Pizzuta Grossolana Ciliero Corsicana Buscionetto Fort Leccino Gargnano
Nasuta Leccino Monopolese Nera di Gonnos Cerasuola Grignano Moraiolo
Provenzale o Peranzana Marzio Raccioppa Nera di Oliena Giarrafa Leccio del Corno Rajo
Marinese Moraiolo Nocellara Mandanici Lezzo
Cima di Mola o di Monopoli Ogliarola Seggianese Pipireddu Moresca Padanina
Leccese Olivastra Semidana Minuta Matosso
Cellina Barese Olivastra Seggianese Ogliarola Messinese Razza
Pendolino Ottobratica Rondella
Razzo Santagatese Trep
Rossellino Tonda Iblea
Verdello

Fatal error: Internal zval's can't be arrays, objects or resources in Unknown on line 0