Campionamento di superfici

Si applica quanto previsto nella norma ISO 18593:2004 “Microbiology of food and animal feeding stuffs – Horizontal method for sampling technique from surfaces using contact plates and swabs”

Lo scopo di tale norma è:

  • Stimare la possibilità e l’entità delle contaminazioni degli alimenti derivanti dal contatto con le superfici ambientali;
  • Valutare l’efficacia delle procedure di lavaggio e disinfezione delle superfici.
    Sono previste tre tecniche di campionamento, a seconda della tipologia delle superfici:
    Metodo con piastre da contatto: superfici piane
    Metodo con tampone: tutte le superfici
    Metodo con spughe o panni sterili (Salmonella, Listeria m.): grandi superfici < 100cm2
  • Controllo microbiologico delle superfici mediante l’impiego di tamponi e delimitatori di superficie sterili
    Materiale Occorrente:
    • Delimitatore superficie
    • Tampone sterile
    • Diluente sterile: soluzione peptone (0,1%) NaCl (0,85%)
    • Terreni nutritivi
    • Piastre Petri sterili
    • Tubi per batteriologia
    Il delimitatore di superfici (10x10 cm) è costituito da una sagoma, vuota al centro, di acciaio inossidabile e sterilizzabile, dopo immersione in alcool, mediante flambaggio alla fiamma di un becco Bunsen.

Schema di Campionamento

Fasi per l’esame microbiologico delle superfici con tampone e delimitatore sterile.

Prelevare il tampone dalla provetta
(eliminare il liquido in eccesso ruotandolo sulle pareti della provetta)
Applicare il delimitatore (sterile o sterilizzato) di area (10x10) sulla zona prescelta Strofinare il tampone sulla superficie delimitata con movimento a zig –zag incrociato.
Ripetere l’operazione partendo dagli altri vertici del delimitatore.
Trasferire il tampone in una provetta contenente 10 ml di adatto diluente (es. Ringer; soluzione fisiologica ecc.) Nel caso in cui si ipotizzi un’elevata concentrazione microbica diluire serialmente il campione.
Seminare su adatto substrato
Esprimere i risultati in UFC/cm2 usando la seguente formula:
N° di colonie x Vol. di soluzione eluente x fattore di diluizione = UFC/cm2
100

Al termine del campionamento, l’operatore deve confezionare e chiudere con cura il campione prelevato, al fine di garantire che non si verifichino contaminazioni incrociate con il contenitore utilizzato per il trasporto e con eventuali altri campioni in esso presenti.